"Ciao Mort hai visto Zio Amos?"

"È di là nelle celle, perchè?" disse Mort.

"Devo parlare con lui di una cosa"

"Si certo.

Era un po' strano quando è arrivato, è successo qualcosa?"

"Ha litigato con Zia Marion a causa di Zio Seth"

"Riguarda il suo incidente?"

"Si non gli ha detto che aveva avuto l'incidente e non gli a detto che era in ospedale"

"Io c'ero, comunque se vuoi andare di là vai"

"Grazie"

Entrò nelle celle e lo vide che stava guardando un punto fisso.

"Zio"

"Ti ha mandato lei?" disse Amos girandosi.

"No ma abbiamo già parlato"

"Che ti ha detto?"

"Che te ne vai e che le vuoi il divorzio, è vero?"

"No...cioè si"

"Allora?"

"Le ho detto che le mando le carte del divorzio quello è vero, ma non lo voglio"

"E allora perchè?"

"Perchè sbaglio sempre"

"Sei umano"

"La amo"

"Ed è chiedendo il divorzio che le dimostri di amarla? Così sì che la perderai e sai perchè lo so?"

"Perchè?"

"Perchè ho rischiato di perdere Sharon non una volta ma tante, sempre e solo per la mia testardaggine e perchè combinavo sempre casini"

"Tu non puoi capire Andy quante cose non gli ho detto per non farla preoccupare e quando non le ho detto di Seth mi sembrava di fare la cosa giusta"

"Ho fatto il tuo stesso errore, nascondere cose a Sharon per non farla preoccupare ma è stato inutile.

Fidati quando ti dico che se tu glielo avessi detto a quest'ora sareste insieme"

"Credi che non lo sappia, io ero solo preoccupato per lei, ha sofferto molto e io non volevo farla preoccuapare di più"

"Ma la stai facendo soffrire chiedendo il divorzio"

"Sei cambiato molto"

"Non è merito mio se sono cambiato ma di una rossa che ha conquistato il mio cuore" disse sorridendo lo salutò ed uscì e poi salutò anche Mort e raggiunse Sharon a casa.

"Sono a casa" disse sedendosi sul divano.

"Come è andata?"

"Bene abbiamo parlato un po' e credo di averlo convinto a chiarire con Zia. Rusty?"

"Con Zio Seth e Zia Jess nello studio"

Sentendo la voce, li raggiunsero in sala.

"Ciao Papà"

"Ciao Figliolo, ciao Zio, ciao Zia"

"Dove sei stato?"

"Sono stato dallo Sceriffo.

Mi ha chiamato perchè voleva due dritte sugli interrogatori" disse Andy non volendo dire davanti a Seth quello che era successo tra Marion e Amos, si sarebbe dato la colpa se lo avesse saputo.

"Ho iniziato a cucinare tra poco si cena"

"Andy potresti venire in camera da letto, devo darti una cosa" disse l'uomo più anziano.

"Si certo"

"Vieni anche tu Sharon"

"Ok"

Salirono al piano di sopra ed entrarono in camera.

Appena entrò in camera l'occhio gli cadde sulla divisa militare che Seth aveva appeso sopra l'armadio.

"Prima di morire e prima che tu arrivassi a Miami, Drew mi scrisse una lettera che mi è arrivata prima che facessi l'incidente.

Nella lettera c'era scritto che voleva che tu avessi la sua divisa militare ecco perchè ti ho voluto parlare di quello che era successo"

"Grazie ma non posso accettare, l'ho perdonato e mi manca ma non dimenticherò che tipo di padre era con me, tienila tu"

Sharon gli strinse la mano e lui sorrise.

"Ok tranquillo se non te la senti non prenderla ma se un giorno la volessi non esitare a chiedermela"

"Grazie"