EPISTOLARIO DI S. VALENTINO

Autore: Lady Memory

Data: febbraio 2020

Previewer: Gabrix1967

Tipologia: Romantico

Rating: Per tutti

Personaggi: Severus, Hermione (chissà come mai…)

Epoca: Post HP a Hogwarts - AU

Avvertimenti: Nessuno

Riassunto: Secondo voi di cosa potrà mai parlare? Leggete, che fate prima…

*******************

NOTA 1: Ringrazio vivamente Gabri, instancabile previewer ed ascoltatrice di deliri, per essere il tarlo insidioso che mi riporta costantemente alla necessità di scrivere.

NOTA 2: Questa storia è stata scritta per la Sfida di S. Valentino del sito Il Calderone di Severus, ed è ispirata da alcuni versi della mia opera preferita, il Falstaff di G. Verdi, e cioè dal piccolo duetto in cui Falstaff e Ford parlano dell'amore. Lo trovate qui sotto. Lo splendido libretto nel magico italiano di fine Ottocento è opera del grande Arrigo Boito.

Falstaff
'L'amor, l'amor che non ci dà mai tregue
Finché la vita strugge,
È come l'ombra…"

Ford
'che chi fugge…'

Falstaff
'insegue…'

Ford
'E chi l'insegue…'

Falstaff
'fugge.'

Disclaimer: I personaggi ed i luoghi presenti in questa storia non appartengono a me bensì, prevalentemente, a J.K. Rowling e a chi ne detiene i diritti. I luoghi non inventati da J.K. Rowling e la trama di questa storia sono invece di mia proprietà ed occorre il mio esplicito e preventivo consenso per pubblicare/tradurre altrove questa storia o una citazione da essa.
Questa storia non è stata scritta a scopo di lucro, ma per puro divertimento, nessuna violazione del copyright è pertanto intesa.

***********

Epistolario di S. Valentino

1
Gentilissima professoressa Granger,

come certamente saprà, domani sera è prevista una cosiddetta festa di S. Valentino, da tenersi in Sala Grande, con partecipazione di studenti e purtroppo di professori.

Anche se mi sarebbe stato estremamente gradito eclissarmi per l'intera durata della suddetta festa, purtroppo non mi è concesso, in quanto il regolamento prevede che, qualora di sesso diverso, il docente di Pozioni si accompagni al docente di Studi Babbani, e quindi in questo caso a lei.

Capisco che la cosa possa turbarla e mi creda, avrei preferito declinare l'onore.
Tuttavia la vecchiard... Minerva non me lo permette.
Posso contare sulla sua presenza dopo cena?

Aspetto una gentile conferma,
Severus Snape

2
Egregio professor Snape,

sapevo che era prevista la festa ma non sapevo che il regolamento imponesse a lei e a me di partecipare congiuntamente.
La prego però di non preoccuparsi ulteriormente. Chiederò subito una dispensa alla Preside, in modo da poter partecipare col professore di Erbologia, che peraltro lei conosce benissimo, ovvero Neville Longbottom.

Un cordiale saluto
Hermione Granger

3
Gentile professoressa Granger,
forse non mi sono spiegato bene.
La festa prevede la partecipazione congiunta dei professori secondo rigidissimi schemi in auge ormai da secoli, da prima ancora che questa maledetta festa fosse inventata. Esigo quindi che questi schemi siano rispettati per il buon nome della scuola e per dare un esempio di rispettabilità e decoro ai nostri studenti.

Come già scritto, attendo sua gentile conferma,
Severus Snape

4

Professor Snape,
mi sembrava di aver capito che questo gaio raduno rappresentasse per lei solo uno scomodo inconveniente da cui poter essere liberato appena possibile.
Inoltre, mi permetta di farle notare che una festa vuol dire divertimento, e partecipare con qualcuno a cui sembra che facciano male i calli per tutta la sera non mi attira.
Ribadisco quindi che non ci sono problemi; per quanto mi riguarda, inoltrerò la mia richiesta alla Preside come già detto.

Un saluto
Hermione Granger

5
Senti, Granger,
perché devi fare sempre la difficile? Capisco che ti piaccia comandare, d'altra parte l'hai sempre fatto, ma quando si riceve una richiesta formale - come questa dannata festa esige - non si può accettare l'invito di un qualcun altro, anche perché sono certo di essere stato il primo a chiedertelo. Lo so perché Longbottom è stato occupato tutta la mattina nelle serre dietro mio incarico, perciò non può averti già scritto.

Quindi facciamola finita.
Ti passo a prendere stasera, e con ciò la questione è chiusa.
Severus

6
Adesso ascolta tu, Severus.
Ho detto Neville e Neville sarà. Piantala di mandarmi gufi dall'aria afflitta che mi stanno saccheggiando tutti i cracker al gusto pancetta che avevo messo da parte per lo spuntino.
Ciao,
Hermione

7
Insomma, Hermione! Non ti sto invitando a selezionare occhi di scarabeo cornuto (lo so che hai sempre odiato queste cose). Ti sto chiedendo per favore - e ti prego di notare che ho scritto per favore - di partecipare con me. Con chi diavolo d'altro posso andare altrimenti? Non vorrai mica che mi si appiccichi Sibilla!

Per favore ancora una volta, riflettici e fammi sapere.
Grazie
Severus
PS: non rifletterci troppo, dimmi che accetti e basta!

8
Cosa vorresti dire con questa storia? Che prendi me pur di liberarti di Sibilla?

Se questa è la tua opinione nei miei riguardi, penso proprio che puoi andare con chi ti pare, ma con me no di certo! Ho una dignità anche io, mio caro. E poi, vuoi mettere che figura farebbe Neville in giacca e cravatta? Non come un tipo che conosco, che veste solo di nero…

Lascia perdere, e cercati qualcun'altra.
Hermione, ovvero per te la professoressa Granger

9
Gentile Professoressa Granger,
D'accordo, ho dosato male le parole. D'altra parte io sono abituato con pozioni e filtri magici, non con le donne.
Posso sperare che la mia richiesta venga presa in considerazione se mi scuso?

Severus Snape
PS: Guarda che non capita tanto spesso. Prendere o lasciare.
PPS: sta cominciando a farsi tardi, vorrei sapere se devo comprare un biglietto per il Tibet o se posso rilassarmi…

10
Ti stai scusando?
Ti stai davvero scusando?
Be', se la metti così, allora forse, può darsi, chissà, potrei ripensarci. Ma in tal caso esigo il trattamento completo. Se sei d'accordo, scrivimi che ti spiego in cosa consiste.

Hermione

11
Sapevo che questa cosa mi sarebbe costata cara! Va bene, pur di non avere Sibilla accanto, sono disposto a sentire cosa vorresti. Ma ricorda che anche la mia infinita pazienza ha un limite!

Severus

10
Moderiamo i toni, carissimo, altrimenti stasera avrai accanto Madama Pince.
Quello che chiedo è normale usanza in queste occasioni, e se tu non fossi così scorbutico lo sapresti da te.
Mi aspetto un cavaliere decentemente vestito (sì, questo vuol dire il cravattino) e fiori, possibilmente rose.
Non mi sembra di chiedere la luna.
Pensi di farcela?
H

11
Rose?
Hermione, siamo a febbraio! Dove diavolo le trovo le rose?
S

12
Severus, un poco di inventiva! Dove le trovano gli altri secondo te?
H
PS: io senza rose non partecipo, sappilo.

13
Accidenti e poi accidenti a questa stupida festa! Allora, ti ho mandato 7 rose rosse che ho fatto cogliere a Neville nella serra dei fiori speciali. Vanno bene? Dimmi di sì…
S
PS: se trovi del sangue sulle spine, sappi che è mio, non di Neville. Non sono bravo a preparare bouquet.

14
Sette rose? SETTE ROSE? Tutto qui quello che sai fare?
Guarda, lasciamo perdere. Se ti spicci, il rapido per Costantinopoli parte tra mezz'ora.
H

15
Merlino, voi donne siete incontentabili! Guarda se questo nuovo invio ti può piacere…
S

16
Severus! Ma… ma è bellissimo! E sono tantissime! È stupendo…. Grazie…
Hermione

17
In effetti sono 140.

18
Miste.

19
Sì, che erano miste l'avevo notato. Ma perché proprio 140?

20
Be', 14 per la data, moltiplicato 10 per gli anni che ci conosciamo.

21
Sono senza parole… Sto davvero parlando con Severus Snape?

22
Allora posso sperare? Rispondi in fretta perché la prenotazione del viaggio scade tra 8 minuti.

23
In effetti non so. Non sono proprio convinta. Devo pensarci ancora un pochino, sicuramente più di 8 minuti.
A proposito, per favore non mandare più gufi. Stai svuotando la guferia. Si sono tutti installati qui da me.
Tra un pochino penso che organizzeranno una partita a carte….

24
Ma cos'altro vuoi, adesso?! Hai chiesto le rose, ti ho dato le rose.
Sto anche diventando strabico per allacciarmi il cravattino che mi ha gentilmente prestato Filius…

25
Non so. È tutto così inaspettato…

26
Hermione, ti prego! Cosa devo fare per convincerti a venire con me stasera?

27
Non sono io che posso dirtelo, Severus!

28
E allora che altro devo fare? Devo dirti che ti amo?

29
RICHIESTA URGENTE DI RICHIAMO MESSAGGIO GUFICO!

30
RICHIESTA URGENTE DI RICHIAMO MESSAGGIO GUFICO!

31
RICHIESTA URGENTE DI RICHIAMO MESSAGGIO GUFICO!

32
È la fine….

Sto partendo per Timbuctu. Ci vediamo l'anno prossimo.

10 minuti dopo

Un bussare impetuoso trovò un abbacchiato professor Snape ancora in lotta con un cravattino penzolante e una valigia che si era aperta a tradimento, rovesciando tutto il suo contenuto sul pavimento. Prendendo un'espressione rassegnata, il mago aprì la porta e…

"Severus?" chiese esitante Hermione, guardando il caos che regnava sovrano in quella stanza. Poi alzò gli occhi alla figura nera e triste che torreggiava sopra di lei. "Dicevi sul serio?"

Snape prese un respiro che sembrava non dovesse finire mai.

"Ho fatto una sciocchezza," mormorò.

"Perché non lo pensavi?" domandò subito Hemione ansiosamente.

"No," borbottò lui, abbassando la testa. " Perché lo pensavo."

"Sai una cosa, Severus?" dichiarò allora Hermione. "Sei proprio sciocco!"

Irrigidendosi per la sorpresa, il mago la fissò con due occhi sconcertati.

"Perché non me l'hai scritto prima?" sorrise Hermione, buttandosi tra le sue braccia.