Il colore del grano

Caro Piccolo Principe,

vorrei che tu mi rivelassi il tuo segreto. Perché sono sicura che tu ce l'abbia, un segreto.

Tu che riesci a vedere la pecora nel disegno di una scatola chiusa. Tu che sai trasfigurare la tristezza mescolandola ai colori del tramonto. Tu che con il tuo sguardo limpido puoi leggere nel cuore degli uomini. Tu che ami la tua rosa, senza neppure sapere perché. Tu che vivi della dolce malinconia di un ricordo nascosto in una stella.

Aiutami.

Ti ho detto che mi bastava ritrovare la memoria della nostra amicizia nel colore del grano maturo. Il colore dei tuoi capelli. Te l'ho detto, ma mentivo. O forse non avevo ancora misurato il mio animo contro il potere della nostalgia.

Mi manchi.

Piccolo Principe, se mai tu passassi di qui… fermati solo un attimo. Parlami con la tua voce innocente di bambino. Guardami negli occhi.

Solo così potrò ricominciare ad esistere.

Come brillano le stelle stasera… Dove sarà quella in cui vivi tu?

Piccolo Principe, ti aspetto.

La tua amica, per sempre.